lucemania: ECOSOSTENIBILE

Luce e Moda si interrogano sull’ambiente

About Team: Sara Mestriner | Bulbus Lighting Studio | Torino

by sara mestriner

LuceMANIA è il nostro appuntamento mensile con lo stile e le mode del momento.

Un dialogo e un confronto sulle tendenze che accomunano la progettazione di designer e stilisti. Un percorso per immagini che vi farà scoprire come il design di un’applique e quello di un cappotto siano molto più simili di quanto avreste mai potuto immaginare.

Scopri il precedente articolo di LuceMania a tema Onirico. Clicca qui

 

Se siete amanti delle palette ispirate ai colori caldi e morbidi della terra e vi piace circondarvi di cose belle e dall’anima green siete nel posto giusto! In LuceMANIA di questo mese abbiamo acceso i riflettori sul grande tema dell’ecosostenibile interpretato dal design e dalla moda.

Avete mai riflettuto sui materiali di cui sono fatti gli oggetti di cui vi innamorate e vi circondate? E vi siete mai chiesti che impatto possano avere tali oggetti sull’ambiente?

ECOSOSTENIBILE

L’ecosostenibile è, in realtà, un macrotema molto complesso che può essere analizzato sotto diversi punti di vista. Noi abbiamo scelto di porre il focus su quei prodotti realizzati con materiali ecologici e naturali, come il legno, la rafia, il sughero, il cotone e la lana.

Fin dal principio, uno degli aspetti che ci è saltato all’occhio quando ci siamo approcciati al tema dell’ecosostenibile è che, per un consumatore consapevole, è molto più complicato ricercare un prodotto in questo segmento di mercato. In secondo luogo, abbiamo notato come l’offerta sia decisamente limitata. Esistono tantissime piccole aziende nel mondo che hanno fatto della sostenibilità la loro mission, ma sono estremamente più difficili da trovare rispetto alle grandi realtà.

E’ come quando si acquistano pezzi vintage: ci vuole impegno, costanza e tempo per trovare quell’oggetto che ci fa battere il cuore. Ma, quando finalmente lo troviamo, la soddisfazione è impagabile (a tal proposito, il “Second Hand” è considerato uno dei mercati più sostenibili, per ovvie ragioni).

Ecosostenibile moodboard luce e moda

In senso orario:
1. MARKET SET, Screen XXL, 2019, www.marketset.fr 2. KUNDALINI, ViceVersa, by Noé Duchaufour, 2020, www.kundalini.it 3. CORTANA, www.cortana.es 4. EXPORLUX, Lolipop, www.exporlux.pt
Al centro: BIRKENSTOCK, www.birkenstock.com

ECOSOSTENIBILE IN AMBITO FASHION

Flavialarocca ha fatto della sostenibilità e della modularità il punto di forza delle sue collezioni, tanto da aver vinto nel 2019 il prestigioso premio di Camera Nazionale della Moda Italiana ed il Eco-Age “Green Carpet Fashion Award”. Le sue collezioni, sono basate su una materia prima ecosostenibile e pezzi modulari che possono essere combinati fra loro in infiniti modi, attraverso l’utilizzo di zip ed altri accorgimenti.

“WE CREATE WITHOUT COMPROMISE” è il motto di Mother of Pearl. Il brand inglese, fondato nel 2002 da Amy Powney, è oggi venduto nelle boutique più cool del mondo. Nelle loro collezioni solo il 5% delle fibre è di origine sintetica, i materiali sono tutti naturali e la loro provenienza certificata dai maggiori organi competenti al mondo. Stile contemporaneo, attenzione maniacale alle condizioni dei lavoratori di tutta la filiera e sostenibilità ambientale (anche nel packaging) sono solo alcuni fra i punti di forza di questo bellissimo brand.

Ecosostenibile moodboard luce e moda

In senso orario:
1. LUXCAMBRA, Creta, by Xavier Solé, www.luxcambra.com 2. MOTHER OF PEARL, www.motherofpearl.co.uk 3. SARTA, www.studiosarta.com 4. FABBIAN, Stick, by Matali Crasset, 2013, www.fabbian.com 5. BRUNELLO CUCINELLI, ai 2020/21, photo courtesy Brunello Cucinelli, www.vogue.it 6. FLAVIALAROCCA, www.flavialarocca.com
Al centro:
UTULAMPS, Monaco, 2019, www.utulamps.com

ECOSOSTENIBILE: L’ APPROCCIO DEL LIGHTING DESIGN

Se nella moda la sostenibilità passa attraverso l’utilizzo di filati di origine naturale o riciclati, nel lighting design sono i materiali organici a farla da padrone.

Un materiale che sta vivendo un secondo rinascimento è la paglia di Vienna ottenuta dall’intreccio delle canne di giunco. Questa famosa lavorazione, che prende il nome dall’iconica sedia dell’austriaco Thonet, sta diventando protagonista sia nella moda che nel design. Sostenibile, resistente e dall’effetto leggero e naturale; viene sempre più utilizzata dai progettisti di tutto il mondo nella creazione di pezzi dall’allure vintage e di grande impatto visivo. Ne sono esempio il lampadario “Screen XXL” di Market Set o il sistema “Monaco” di Utulamps.

In contemporanea, l’azienda portoghese Exporlux, da sempre molto attenta al tema dell’ecosostenibile, mette a catalogo diversi di prodotti realizzati in sughero, il quale, oltre ad essere un materiale ecologico, presenta anche elevate caratteristiche termiche e di fonoassorbenza.

Luxcambra, brand nato a Barcellona alla fine degli anni Sessanta, ha recentemente presentato una collezione realizzata in vimini intrecciato a mano, ispirata nelle forme ai nidi di uccello. Inoltre, è presente a catalogo una famiglia di prodotti dalle linee molto morbide, interamente progettata in legno massello, che richiama la primordiale forma dell’uovo.

1. ISAMU NOGUCHY, Akari 1N, 1951, Akari Light Sculptures, www.noguchi.org 2. MARIO CUCINELLA ARCHITECTS, Asilo Nido “La Balena” di Guastalla – RE, 2014/15, ph: Moreno Paggi, www.artribune.com 3. SHIGERU BAN, Cardboard Cathedral, Nuova Zelanda, 2013, ph: Forgemind Archimedia 4. STUDIO KOSTER,  Villa Privata a Val Todone Piacentino -PC, 2015/17, ph: Matteo Imbriani, www.dezeen.com

Appare perciò chiaro che progettare oggetti belli e funzionali non basti più: a questi due criteri si deve aggiungere quello della sostenibilità.

Se l’ecosostenibile, in ottica aziendale, è un traguardo molto difficile da raggiungere e presuppone l’investimento di ingenti risorse per adeguarsi alla grande sfida del nostro tempo; essere consumatori consapevoli è molto più semplice e passa attraverso buone semplici abitudini.

Comprate meno e comprate meglio, informatevi, investite in oggetti durevoli e realizzati con materiali naturali e riciclati, fate ricerca, frequentate i mercatini dell’antiquariato e i negozi di second-hand e sarete (fidatevi di noi) molto più soddisfatti dei vostri acquisti!

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Telegram

BULBUS LIGHTING STUDIO

Via Boucheron ,14
Cap. 10122 Torino
Tel. +39 011 19 70 23 80
Mail: studio@bulbus.it

Torna su