7 collezioni di design visitabili DA CASA

bulbus lighting studio ha selezionato per voi 7 collezioni di design appartenenti a musei e istituzioni culturali accessibili online.

About Team: Emanuele Berteletti | Bulbus Lighting Studio | Torino

by EMANUELE BERTELETTI

“Resta a casa” è il mantra che ci ripetiamo, e che ci viene ripetuto, con più costanza in questo periodo.

Con il dilagare dell’emergenza sanitaria causata dal virus Covid-19, in molti Paesi del mondo, Italia prima fra tutti, sono state promulgate delle misure contenitive straordinarie. Inevitabilmente, i primi luoghi di aggregazione a dover sospendere le proprie attività sono quelli legati alla cultura. Scuole, università, cinema, ma anche musei e gallerie d’arte si sono avviati verso l’inesorabile e temporanea serrata.

Ma, fortunatamente, questo non significa che il grande pubblico abbia perso la possibilità di accedere a questi luoghi della cultura ed alle loro collezioni dal valore inestimabile.

GOOGLE ARTS&CULTURE

In questi giorni di quarantena, molti hanno scoperto il progetto Arts&Culture di Google. Una vera e propria panacea per tutti gli amanti dei viaggi e della cultura, durante la nostra forzata clausura.

Il progetto del colosso del web ha visto la luce il 1 febbraio del 2011 e, nel corso dello scorso decennio, si è arricchito della più vasta collezione virtuale d’arte al mondo. Nato con l’intento di rendere disponibile online il patrimonio artistico umano, Arts&Culture inizia il proprio percorso con l’acquisizione di immagini ad alta definizione delle più importanti opere pittoriche. Poi, sfruttando la medesima tecnologia di Street-View, ha reso possibile l’accesso a più di 2.500 siti culturali dell’intero pianeta comodamente da casa, attraverso i nostri device.

Gli Uffizi, i Musei Vaticani, il Louvre, la Tate Gallery, il Guggenheim ed altri inestimabili siti museali ci accolgono virtualmente nella loro straordinaria atmosfera, per farci vivere un’esperienza autentica (ed in HD).

Visita il portale Google Arts&Culture, clicca qui.

LE COLLEZIONI DI DESIGN NELL’ERA DIGITALE

E per quanto riguarda il design?

Per i creativi, è cosa nota, la sperimentazione sensoriale è di fatto una componente fondamentale del processo lavorativo e, di conseguenza, progettuale. Il poter esperire in prima persona ciò che musei, collezioni d’arte, showroom e fiere mettono a disposizione dei professionisti è ciò che permette loro di avvicinarsi, passo dopo passo, alla definizione del progetto, qualsiasi natura esso abbia.

Certo, non mancano fonti di ricerca alternative: i social network, in particolare Istagram e Pinterest, sono diventati nel corso degli ultimi anni delle vere e proprie “vetrine”, gallerie virtuali alle quali attingere per ispirarsi.

Sull’onda di questa rivoluzione digitale, anche il mondo aulico dei luoghi d’arte punta verso la digitalizzazione delle proprie collezioni, catalogandole e rendendole maggiormente fruibili al grande pubblico.

Bulbus Lighting Studio vi propone una selezione di tour virtuali e collezioni online ai quali potrete accedere comodamente da casa vostra. In questi momenti particolari, scoprire la bellezza che c’è oltre le mura domestiche, può aiutarci a ritrovare l’ispirazione.

7 COLLEZIONI DI DESIGN DA VISITARE ONLINE

COOPER HEWITT, SMITHSONIAN DESIGN MUSEUM – New York, Stati Uniti

Casa di una delle collezioni di design più complete ed eterogenee, il museo conta più di 210.000 oggetti rappresentativi delle arti decorative, dall’antico Egitto fino ai nostri giorni. Le sue esibizioni sperimentali e dinamiche sono aperte a chiunque voglia comprendere l’importanza del design nell’influenzare la vita quotidiana del genere umano fin dai suoi primordi. L’esperienza digitale permette di espandere questa consapevolezza oltre le mura fisiche del museo, ispirando e connettendo a livello globale.

Visita il museo, clicca qui.
VITRA DESIGN MUSEUM – Weil am Rhein, Germania

In uno scrigno progettato dal maestro Frank Gehry, il museo fondato nel 1989, è annoverato come la più importante collezione dedicata al disegno industriale. La continua ricerca ed una presentazione accattivante messa a punto dallo studio Herzog & DeMeuron puntano ad esaminare la reciproca relazione d’influenza fra design, architettura, arte e cultura popolare. La collezione permanente composta da 400 oggetti iconici, è ciclicamente affiancata da mostre che esplorano i temi di sostenibilità, tecnologia, responsabilità sociale.

Scopri il catalogo, clicca qui.
METROPOLITAN MUSEUM OF ART – New York, Stati Uniti

Noto anche come “The MET”, rappresenta una delle istituzioni artistiche più importanti del mondo. La sua collezione permanente, in continua espansione, raccoglie oltre due milioni di manufatti artistici divisi in 19 sezioni, creando un complesso visivo che testimonia 5000 anni di storia umana. Dagli oggetti dell’antichità classica fino alle arti applicate europee ed americane. Nelle sue sale sono presenti ricostruzioni complete di ambienti di diverse epoche, corredati da oggetti d’arredamento originali. Merita una menzione speciale la sezione del Costume Institute, che conserva 80.000 pezzi di storia della couture.

Visita il MET, clicca qui.
BRITISH MUSEUM – Londra, Regno Unito

Con una mission analoga al MET, il British Museum possiede la raccolta d’arti visive più estesa al mondo. Una collezione nata nel 1753, che si è arricchita nel corso di quasi tre secoli di 8 milioni di oggetti, a testimonianza della cultura materiale dell’umanità dai suoi primordi all’epoca contemporanea. Di grande rilievo, la sezione delle arti applicate e design europeo dal 1400 ad oggi. Vasellame medievale, arte religiosa, lampade Art-Nouveau, le soluzioni abitative Bauhaus ed i primi elettrodomestici di design anni Cinquanta; sono alcuni esempi dei tesori custoditi al British.

Accedi al museo, clicca qui.
KARTELL MUSEUM – Noviglio, Italia

Nato nel 1999 con lo scopo di conservare, promuovere e valorizzare il patrimonio materiale e culturale della famosa azienda italiana; la sua collezione si compone di 8000 oggetti corredati da disegni, progetti e fotografie. La storia di Kartell è ricostruita con minuzia attraverso un percorso espositivo fra i suoi prodotti più iconici, fornendo un quadro preciso dell’evoluzione dei materiali plastici e delle tecnologie industriali adottate nel corso dei suoi 70 anni di vita. Un museo d’impresa che indaga il legame fra il design degli oggetti d’uso quotidiano ed il contesto umano e sociale in cui si inseriscono.

Scopri il Museo Kartell, clicca qui.
CHRISTIE’S – Londra, Regno Unito

Da oltre 250 anni, la casa d’aste Christie’s tratta la vendita di oggetti d’arte di ogni tipo: dipinti, sculture, gioielli, fotografie, complementi d’arredo, libri e molto altro. Consci della propria rilevanza sociale e culturale, la mission della casa d’aste ha sempre avuto una particolare valenza filantropica. Rappresentando una grandissima “vetrina del bello” la volontà è di diffondere questa cultura materiale e immateriale di generazione in generazione. A questo scopo gli oggetti d’asta vengono esposti al grande pubblico prima della vendita, o presentati online attraverso cataloghi e ricostruzioni virtuali. Questo è il caso della grande asta in programma per il 16 ottobre dal titolo “Thinking Italian Design”, formata da una rarissima selezione di oggetti dal 1920 ad oggi, racchiusi in uno spazio virtuale totalmente visitabile.

Accedi al tour virtuale, clicca qui.
LA TRIENNALE DI MILANO – Milano, Italia

Dal 1923, Triennale Milano è un faro nell’ambiente culturale italiano e internazionale, capace di restituire la complessità del contemporaneo attraverso una pluralità di linguaggi: design, architettura, arti visive, sceniche e performative. Queste tematiche ad ampio respiro vengono perfettamente riassunte nel “Manifesto della Triennale”, il cui scopo è di espandere e innovare i singoli modi di pensare, portando esperienze di culture e lingue diverse in un solo posto e tempo.
La collezione permanente di Design accoglie più di 1600 oggetti, catalogati dal 1927 al 2015, oltre a una serie di modelli, artefatti grafici, fotografie e un’immensa bibliografia.

L’archivio è consultabile cliccando qui.
Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn

BULBUS LIGHTING STUDIO

Via Boucheron ,14
Cap. 10122 Torino
Tel. +39 011 19 70 23 80
Mail: studio@bulbus.it

Torna su